lunedì 21 luglio 2008

Do not click this site



Alex Frank, diplomato all’Università di Essen-Duisburg ha caricato sul dominio http://www.dontclick.it/ la sua tesi di laurea.

Un sito navigabile senza cliccare con il mouse: si passa sui link, e le finestre si aprono*.

Per me che ho basato la mia tesi sull'usabilità, maledicendo i menù che scompaiono quando si sposta il mouse, questo oscilla tra apostasia e pura eresia (e se qualcuno dice che la mia tesi è superata dopo soli sette anni non siamo più amici su facebook)

Però giocandoci un po' (e sforzandosi di non cliccare, cosa praticamente impossibile: provaci!) ci si convince -quasi- che la cosa potrebbe funzionare, a trovargli una collocazione pratica.

Insomma, per uno come me che già si trova spaesato se di bottoni sul mouse ne trova solo uno (o peggio), rimane una bella curiosità, che servirebbe servirà a qualche brand in rete per far parlare un po' del proprio sito.

(o c'è qualche applicazione a cui non ho pensato? sì dai, ci sarà...)



*adesso, a prescindere da tutto: questo ne sa. Prima a pensarla una cosa così, poi a realizzarla...



via


Foto di Alaskabody-dolls

3 commenti:

Marco Massarotto ha detto...

Ottima segnalazione, grazie

Stefano ha detto...

Vista la diffusione dei dispositivi e delle interfacce cliccabili, il don't click suona (oggi) come eresia pura.

Però è un esercizio di stile divertente e ben realizzato.

Io proporrei qualcosa di analogo, ma rimuovendo completamente il 'trascinamento' (dontdrag.it?)

Baldo ha detto...

@stefano: in effetti gli oggetti tendono a "sfuggire" durante il trascinamento... ma se continuiamo su sta strada togliamo pure la tastiera :)
@marco: giusto un modo per contraccambiare gli spunti che dai tu!